sabato, febbraio 03, 2007

questa merda

Una volta Ciro mi ha domandato se ero interista milanista ateo, cosi scherzosamente,
gli ho detto che lo sport lo scelgo in base a chi vedo sugli spalti, per questo
ho scelto il rugby, per me è un piacere vedere quel misto di persone, donne, bimbi,
vecchiette sdentate che gioiosamente pertecipano alla festa della partita, perciò
da molto tempo ho abbandonato il calcio e tutta la merda che c'è nella testa
di quel mondo di merda, ai tifosi dedico questo pezzo non saprei far di meglio:
E così morbosamente m’auguro che i loro figli ne raccoglieranno le feci carbonizzate, infestate di vermi nutriti del loro intestino, per poi crepare essi stessi, seppur figli e immacolati, di inspiegabili spasmi alle tempie, e di lento soffocamento, dopo che i denti gli saranno caduti rotti come mucche pazze, o polli avariati, e dopo che le ginocchia gli si saranno rivoltate e sparse fuori asse al pari di un ghiacciaio disciolto, e dopo che il cuore gli si sarà rallentato per allungare ogni istante di supplizio, morbosamente gli auguro una mezza morte, col cervello ancora vigile a riferire alla memoria il buio della bara e il silenzio carico d’umidità della notte nel camposanto, e il ragno che nell’ultimo respiro gli ha sfondato la trachea!
Anche Marcoz, mi è testimone, quando voleva distruggere le nazioni, gli ho chiesto
perche non cominciare con i tifosi di calcio, quindi non scrivo queste cose
sull'emozione di dell'ennesimo fatto di cronaca, ora per svelenire un attimo
questo post approffitto anche per mandare affanculo anche Carla Bruni e i sui cd lagnosi.

20 commenti:

ciro ha detto...

eginone!!

sta meglio qua che da me quel pezzo.
Si' gruoss'!

uncertosorriso ha detto...

Non è demagogia.
Nè retorica.
Ma è "rassicurante" rendersi conto che duemila anni non sono serviti a nulla.
Lo stadio resta comunque un'arena dove giocare al massacro, mentre le sorti sono decise sempre dai soliti pochi e da come decidono di rivolgere il pollice, magari per digitare i numeri su di un cellulare.
Com'era quella favoletta dello sport come strumento di sana crescita dell'uomo?!
Non la ricordo più.

vulvia ha detto...

Trovo detestabile il calcio!!!!!!!!!!(anche perchè è diventato tutto tranne che uno sport)

davide ha detto...

38 anni 2 figli...il mandante chi è? dove sono i mandanti?

egine>ciro ha detto...

come ho detto non avrei saputo far meglio, e quando le ho riprese, c'era tutta la mia rabbia.

egine>uncertosorriso ha detto...

no non sono daccordo, la capacità che ha il calcio di rappresentare al meglio la nostra bestialità è
unica, ci sono altre attività
sportive professionali dove
l'uomo trova una grande misura.

egine>vulvia ha detto...

difatti

egine>davide ha detto...

comincia dai presidenti a scendere
sono tutti mandanti

uncertosorriso ha detto...

per sport intendevo lo sport italiano popolare per eccellenza: il calcio.
Si parlava di quello o no?!

egine>uncertosorriso ha detto...

concordo e concilio:)

bp ha detto...

Io non credo che sia il calcio o il tifo il otivo di tutto.
Questo è solo una scusa, o meglio un'occasione per sfogare un bel pò di rabbia che viene da qualcos'altro...forse dal solo fatto che l'uomo è e resta un animale e dunque ha istintivamente bisogno di far venie fuore la sua natura vera.

T'è piaciuta l'ispezione psicologica?

davide ha detto...

qualcuno chiami un medico: sono d'accordo con bp

egine>bp>davide ha detto...

sai mi è diffcile dissentire da te
ma visto che c'è anche davide allora posso scatenarmi, le
ragioni sociali sono evidenti
visto che ci si ammazza per un motorino o un cellulare, ma far scivolare sulla pelle dei morti
la responsabilità dei vertici
di quel mondo merdoso, passando la
palla al disagio sociale, questo non è consentito, si delinque
con i bilanci, con la corruzione,
e si scende a cascata giù fino
in fondo, proprio sul fondo, dove
non c'è più nulla, ma non mi faccio
illusioni oggi parlando con gente
(normale) c'era scontento perchè
stasera manchera il calcio, ben
venga il ragno anche per loro.

GdS ha detto...

caro onorario (socio) io scelsi il rugby a 13 anni e mai lo lasciai. cus napoli (giovanile A) poi italsider (serie B più giovanile A) poi piccole squadre di periferia.
poi la sola passione e oggi roma flaminio (Italia Francia)
ma mio figlio gioca a calcio e anche bene, che te lo dico a fare, la legge del contrappasso...

egine>GdS ha detto...

caro compatriota nel segno rugbistico, anchio giocai da
piccolo, data la mia magrezza ruolo
estremo, una mattina d'inverno,
mi presentai all'allenamento coi guanti e l'allenatore mi espulse,
ma lo spirito del gioco mi rimase nella testa, ora non è detto che
le colpe dei figli ricadano sui
padri:)

GdS ha detto...

I GUANTI? I GUANTIII!!! Ha fatto bene l'allenatore, ma la passione ti perdona tutto. Io però col calcio mi sarei anche divertito (col calcio dei figli) ma il calcio dei padri e metafora dello squallore che attraversiamo.
(Io sono partito ala ed ho concluso apertura, ero bravino, perfino una convocazione in nazionale giovanile contro la tunisia, nel famoso 77, a cui ho rinunciato per amore...)

egine>GdS ha detto...

per amore solo per amore, come
cantava Vecchioni qualche anno
dopo, ma si condivido la gioia
dei figli che giocano a pallone,
è il mondo che viene dopo che
non ci assomiglia, ora vado
a dormire che domani gioco(a golf)
notte

bp ha detto...

uagliiiiiiiiiù qua c'è davide...
prendiamoooolllloooooooooooo!!!!!!!!!!!

no, scherzo davide...
della pastiera che ti manderà ciro, la prima fetta l'ho fatta io :)

davide il pasticcere ha detto...

bp: ringrazio commosso, a te e a Ciruzzo

egine>bp>davide ha detto...

prego fate come se non ci fossi:)))